Slide background

“Un vecchio adagio dice che
una visione senza un piano è un sogno
e un piano senza una visione è un incubo:
in Italia siamo riusciti, negli ultimi 20 anni,
a fare entrambe le cose.”

PIETRO COLUCCI

Slide background

“Siamo convinti che un'impresa
che investe correttamente in presidi ambientali
sia, alla fine, meno rischiosa
anche per chi concede credito.”

CITAZIONE DA INTERVISTA A NUOVA FINANZA

Slide background

“L’efficienza energetica è un tema
sul quale il sistema Paese dovrebbe concentrarsi,
avviando le realtà italiane a diventare smart grid.”

DALL'INTERVENTO AL FORUM QUALENERGIA 2015

Slide background

“ Il futuro di tutti passa attraverso
una presa di coscienza consapevole,
la condivisione e la partecipazione
di tutte le parti coinvolte
nel processo energetico dalla produzione
al consumo”.

DALL'INTERVENTO AL FORUM QUALENERGIA 2015

Slide background

“Da imprenditore sono abituato a essere pragmatico, ma sono anche sostanzialmente un sognatore.
E questo mi è servito.
Una visione di scenario proiettata verso un futuro diverso e la capacità di immaginare che il cambiamento sia un’opzione possibile,
nonostante i forti interessi economici coinvolti,
sono requisiti indispensabili
per operare nella green economy.”

CITAZIONE DA INTERVISTA A BUSINESS PEOPLE

In questa sezione sono riportati gli articoli riguardanti Pietro Colucci pubblicati sulle testate nazionali, internazionali e locali.
Gli articoli sono navigabili attraverso la selezione della testata giornalistica oppure selezionando il tag di riferimento, personalizzando il proprio percorso di lettura.

Il Mondo - 20/04/2012 - Inutile provocarlo sull’utilità di convocare gli Stati Generali della Green Economy. Pietro Colucci, ex presidente di Assoambiente e presidente di Kinexia e Waste Italia, snocciola tutto di un fiato l’elenco delle ragioni per cui in Italia è più che mai necessario «fare il punto nave di dove siamo arrivati e, soprattutto, per quale direzione intendiamo proseguire». A credere negli Stati Generali delle energie rinnovabili è anche il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, che ha garantito il suo appoggio all’iniziativa lanciata dalla Fondazione Sviluppo Sostenibile costituita dallo stesso Colucci e dall’ex ministra Edo Ronchi.

Il Mondo - 20/04/2012 - Hanno pesato le divergenze sulle strategie. Ma anche dissapori personali e diverse attitudini al business acuiti dai casi delle controllate Sicil power, Aspica e Cm che, tra accantonamenti e stralcio crediti, hanno mandato in rosso per 13,5 milioni la capofila Unendo. Dopo un periodo da separati in casa i fratelli Ftancesco e Pietro Colucci hanno così deciso di dividere le proprie strade. Il primo, 53 anni, ha arruolato l’avvocato Giuseppe Lombardi mentre il secondo, 50, si è affidato a Giuseppe Iannaccone. Poi si sono messi al tavolo per studiare come spartirsi le attività di Waste italia e Daneco, oltre 200 milioni di ricavi, le due gambe del gruppo Unendo che sono valse ai due fratelli napoletani il ranking di primo gruppo privato nello smaltimento rifiuti conquistato in oltre vent’anni d’attività: dagli esordi in affari con il gruppo Acqua (famiglia Pisante) alla Emas (Ercole Marelli servizi ambientali), fino all’acquisto del business italiano di Waste management.

Il divorzio era prevedibile perché Daneco e Waste sono già gestite in modo autonomo, tanto che la holding Unendo non fa un consolidato pur controllando la prima al 100% e la seconda al 63,7% (partner è il fondo Synergo di Gianfilippo Cuneo). Uno schema possibile è che a Francesco resti Daneco (impiantistica, discariche, combustibile da rifiuti) e a Pietro vada la Waste destinata a confluire nella quotata Kinexia, la ex Schiapparelli di cui il minore dei due fratelli è socio con il 44,4%. Ma è solo una delle soluzioni al vaglio. E comunque non sarà facile smontare la macchina e ci vorrà tempo per arrivare a una soluzione condivisa tra Francesco (presidente e ad Unendo) e Pietro (numero uno di Waste oltreché di Assoambiente-Confindustria).

Gli intrecci sono serrati già nelle casseforti di famiglia perché fino a tre anni fa i Colucci (c’è anche il terzo fratello Nicola) detenevano il 49% di Unendo con quote pressoché uguali attraverso la Athena. Poi hanno rilevato il 51% nell’ambito del divotzio dai fratelli Fabiani (ex Italcogim) pagando circa 15 milioni più il business delle rinnovabili Daneco energy. E per farlo hanno usato la Altelia (Francesco e Pietro in parti uguali). Secondo scoglio è il livello dei debiti che sono 85 milioni per Unendo – Daneco, 105 pet Waste e altri 30 per Sicil power (che ha urgenza di rinegoziarli con Mps e Biis). Il rotale fa 220 con un castello di lettere di patronage e co-obblighi fideiussori all’interno del gruppo. Infine i valori in gioco nella spartizione non solo uguali: Daneco e Waste hanno ricavi simili (85 e 80 milioni), ma la seconda guadagna di più con un margine ebitda del 45%.

TAGS: ,

Impresa Green - 06/05/2014 -Parte dalle scuole elementari di Rivoli e Collegno, in Provincia di Torino, il progetto di educazione ambientale promosso da SEI Energia, controllata da Kinexia - società quotata nel segmento MTA di Borsa Italiana attiva nei settori delle energie rinnovabili e dell’ambiente – e operante nel settore del teleriscaldamento nella cintura di Torino. Il progetto scuole, che rientra nell’ambito delle attività di Corporate Social Responsibility dell’azienda, si articolerà in più fasi successive.

La Repubblica - 09/09/2011 -   NON ha usato mezzi termini Alberto Vacchi, presidente di Unindustria Bologna, per bocciare la manovra del governo: l’ha definita “una somma di provvedimenti fortemente recessivi, priva di elementi strutturali. Una manovra disattenta alle esigenze della crescita e dello sviluppo che continua a indebolire la competitività del nostro sistema industriale”. E ha proposto, come alternativa, la dismissione degli immobili pubblici, la riduzione delle tasse sui redditi bassi e la patrimoniale. Idea, quest’ultima, rilanciata, anche sulle pagine di questo giornale, dal presidente di Nomisma, Pietro Mediano, che ha proposto una patrimoniale a carico di quel 20 % di italiani che detiene il 45 % della ricchezza nazionale: si creerebbe una base imponibile di 2200 o 5000 miliardi, a seconda che si includano o meno gli immobili.