Slide background

“Un vecchio adagio dice che
una visione senza un piano è un sogno
e un piano senza una visione è un incubo:
in Italia siamo riusciti, negli ultimi 20 anni,
a fare entrambe le cose.”

PIETRO COLUCCI

Slide background

“Siamo convinti che un'impresa
che investe correttamente in presidi ambientali
sia, alla fine, meno rischiosa
anche per chi concede credito.”

CITAZIONE DA INTERVISTA A NUOVA FINANZA

Slide background

“L’efficienza energetica è un tema
sul quale il sistema Paese dovrebbe concentrarsi,
avviando le realtà italiane a diventare smart grid.”

DALL'INTERVENTO AL FORUM QUALENERGIA 2015

Slide background

“ Il futuro di tutti passa attraverso
una presa di coscienza consapevole,
la condivisione e la partecipazione
di tutte le parti coinvolte
nel processo energetico dalla produzione
al consumo”.

DALL'INTERVENTO AL FORUM QUALENERGIA 2015

Slide background

“Da imprenditore sono abituato a essere pragmatico, ma sono anche sostanzialmente un sognatore.
E questo mi è servito.
Una visione di scenario proiettata verso un futuro diverso e la capacità di immaginare che il cambiamento sia un’opzione possibile,
nonostante i forti interessi economici coinvolti,
sono requisiti indispensabili
per operare nella green economy.”

CITAZIONE DA INTERVISTA A BUSINESS PEOPLE

In questa sezione sono riportati gli articoli riguardanti Pietro Colucci pubblicati sulle testate nazionali, internazionali e locali.
Gli articoli sono navigabili attraverso la selezione della testata giornalistica oppure selezionando il tag di riferimento, personalizzando il proprio percorso di lettura.

Sole 24 Ore - 18 Settembre 2012 - Kinexia fa un altro passo verso il settore dei rifiuti con l’acquisizione della bresciana Faeco per 26 milioni di euro. La ex Schiapparelli, ora attiva delle rinnovabili, porta avanti con questa operazione il piano industriale al 2015 appena presentato che prevede una decisa virata verso il settore dei servizi ambientali. L’accordo prevede la cessione da parti dal gruppo Feralpi, guidato da Giuseppe Pasini, della totalità diFaeco, società attivanella gestione di una discarica per scarti della rottamazione di autoveicoli e di due impianti, uno a biogas e uno fotovoltaico. Kinexia corrisponderà 26,2 milioni di euro di cui circa 15 subito e n in diverse trance entro giugno 2016.

 «Quella di Faeco è una discarica molto grande adatta ai rifiuti pericolosi – ha spiegato a Il Sole 24 Ore l’a.d. di Kinexia Pietro Colucci – Si tratta di un’operazione in linea con il nostro piano che ci permette di entrare in un settore interessante come quello del “fluff ‘ e cioè dei rifiuti automobilistici. Chiudiamo così un anno che ci vede di poco sotto gli obiettivi, ma in cui abbiamo fatto importanti investimenti»

L’obiettivo della diversificazione nei rifiuti decisa da Kinexia è l’integrazione della produzione di energia da fonti rinnovabili con la gestione di servizi ambientali, business a più alta marginalità capace di garantire stabilità dei flussi nel lungo periodo. Il gruppo, anche grazie all’internazionalizzazione prevista nei settori delle energie rinnovabili, dell’efficienza energetica e dell’ambiente prevede di arrivare entro il 2015 a un valore della produzione di 107 milioni di euro (erano quasi 90 a fine 2011) con un incidenza del margine operativo lordo pari al 30%...