“Un vecchio adagio dice che
una visione senza un piano è un sogno
e un piano senza una visione è un incubo:
in Italia siamo riusciti, negli ultimi 20 anni,
a fare entrambe le cose.”

PIETRO COLUCCI

“Siamo convinti che un'impresa
che investe correttamente in presidi ambientali
sia, alla fine, meno rischiosa
anche per chi concede credito.”

CITAZIONE DA INTERVISTA A NUOVA FINANZA

“L’efficienza energetica è un tema
sul quale il sistema Paese dovrebbe concentrarsi,
avviando le realtà italiane a diventare smart grid.”

DALL'INTERVENTO AL FORUM QUALENERGIA 2015

“ Il futuro di tutti passa attraverso
una presa di coscienza consapevole,
la condivisione e la partecipazione
di tutte le parti coinvolte
nel processo energetico dalla produzione
al consumo”.

DALL'INTERVENTO AL FORUM QUALENERGIA 2015

“Da imprenditore sono abituato a essere pragmatico, ma sono anche sostanzialmente un sognatore.
E questo mi è servito.
Una visione di scenario proiettata verso un futuro diverso e la capacità di immaginare che il cambiamento sia un’opzione possibile,
nonostante i forti interessi economici coinvolti,
sono requisiti indispensabili
per operare nella green economy.”

CITAZIONE DA INTERVISTA A BUSINESS PEOPLE

In questa sezione sono riportati gli articoli riguardanti Pietro Colucci pubblicati sulle testate nazionali, internazionali e locali.
Gli articoli sono navigabili attraverso la selezione della testata giornalistica oppure selezionando il tag di riferimento, personalizzando il proprio percorso di lettura.

Sole 24 Ore 04 Maggio 2016 - Un aumento di capitale pari al doppio della capitalizzazione e un nuovo piano industriale per sedersi al tavolo dei creditori a rinegoziare un bond che sta affossando i conti del gruppo. Waste Italia prova a riemergere dopo i conti 2015 che vedono 39 milioni di perdite (rispetto al rosso di 29,5 milioni del 2014), su un fatturato di 133 (raddoppiato rispetto ai 64 milioni dello scorso anno), e un Ebitda comunque in forte crescita 36,5 (23,4 milioni nell’esercizio precedente).

«Il 2015 è stato per noi un anno difficile. Le dimissioni di Giuseppe Chirico da a.d. hanno creato difficoltà gestionali che hanno avuto un impatto sulla marginalità. Questa rimane ampiamente positiva ma ben lontana dai 55 milioni previsti, portando a una svalutazione importante degli avviamenti – spiega a II Sole 24 Ore l’azionista di maggioranza Pietro Colucci.- Inoltre il conferimento delle energie rinnovabili a Innovatec ha lasciato ancora degli asset da dismettere gravati da debito. Infine scontiamo gli oneri finanziari del bond da 200 milioni lanciato nel 2014 per ripagare le banche italiane e per chiudere l’acquisizione di Geotea in Liguria.

Leggi l'articolo completo